Diana Lama

La scrittrice noir napoletana

NapoliNoir: quaranta scrittori in erba scrivono i migliori gialli

Una quarantina di autori in erba si sono aggiudicati i premi per i migliori racconti gialli scritti per la sesta edizione del concorso “ParoleinGiallo” indetto dalla storica associazione Napolinoir, quest’anno intitolato “Quinto: non ammazzare”. La prima e unica competizione nazionale di letteratura di genere, coordinata e diretta dagli scrittori Diana Lama e Maurizio Ponticello e da una esperta giallista, la docente Caterina Lerro, si è conclusa il 22 maggio con la proclamazione dei vincitori nella Sala della Lettura della Biblioteca Nazionale di Napoli.
Anche quest’anno il Premio ha raccolto moltissime adesioni da scuole campane e dell’intera penisola i cui alunni hanno inviato racconti incentrati sulla suspence, su casi di omicidio e sull’etica dell’assassinio. Gli studenti vincitori del concorso sono stati selezionati dalla giuria del concorso di scrittura creativa presieduta dal direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli Mauro Giancaspro e composta, oltre che dai promotori, da nomi autorevoli della cultura partenopea tra i quali Antonello Perillo, Vittorio Del Tufo, Federica Cigala, Santa Di Salvo, Rossella Paliotto, Ugo Mazzotta, Luciana Scepi. Gabriella Cerino e Gennaro Regina.

Il primo premio assoluto è andato al racconto che porta il titolo del Premio, “Quinto non ammazzare”, alla quindicenne Annalisa Papa, studentessa del secondo anno del liceo scientifico Cuoco-Campanella. Per la categoria delle scuole superiori, il primo classificato è stato Emanuele Rubinacci del liceo classico Vittorio Emanuele con “Pioggia”; per le scuole medie è stato consegnato un ex aequo a Eugenio Yula della Carlo Poerio e a Samuel Urso di Renazzo in provincia di Ferrara; il primo premio per le scuole elementari è stato attribuito al racconto “Il cadavere mancato” dei giovanissimi Paolo e Federica D’Onofrio del VIII Circolo Don Milani di Salerno; il riconoscimento de Il Denaro è stato assegnato a pari merito ad Antonia Romano di Agropoli con “Sono innocente” e a Sara Escalona del liceo classico Garibaldi con “Una verità nascosta”.

Il Premio speciale ParoleinGiallo in lingua inglese è stato aggiudicato a Francesca Correale e a Francesca Selva, autrici di “Blind”, un rap “giallo” a due voci che è stato pure improvvisato a cappella durante la premiazione. Anche in questa nuova edizione sono stati attribuiti premi alla poesia e al teatro in giallo, unici del genere in Italia: per la prima categoria, il giovane poeta vincitore è risultato Giovanni Ruggeri dell’istituto Palizzi di Casoria e, per la pièce teatrale, la corona d’alloro è stata invece consegnata a Luca Zibella dell’istituto Gallozzi di Santa Maria Capua Vetere.

Il premio speciale della Biblioteca Nazionale è andato per “Incubo reale” ai ragazzi del Centro socio aggregativo dell’Associazione Italiana Assistenza Spastici di Casoria. Infine, la coppa più ambita, indetta dall’associazione Napolinoir che organizza il concorso e l’evento, quest’anno è andata a Stefano Romano del liceo scientifico Mercalli di Napoli, autore del racconto “Respiri”. I racconti dei vincitori e dei migliori selezionati saranno pubblicati sul sito www.napolinoir.com

(www.ilmattino.it)

Posted in News.

Add a comment

  • Facebook